Mirko Pedrotti Quintet 


Mirko Pedrotti, diplomato nel 2007 in percussioni presso il Conservatorio "F. A. Bonporti" di Trento, si è successivamente specializzato con il massimo dei voti presso il Conservatorio di musica “Evaristo Felice Dall’Abaco” di Verona con  Saverio Tasca. Nel marzo 2013 ha conseguito la Laurea in Musica Jazz al Conservatorio di Trento sotto la guida di Roberto Cipelli e Robert Bonisolo. 

Ha collaborato con diverse orchestre e teatri nazionali tra i quali Orchestra dell’Arena di Verona (VR), Orchestra Haydn (BZ), Orchestra Regionale Toscana (FI), Orchestra I Pomeriggi Musicali (MI) ed ha ottenuto nel 2012 l’idoneità come percussionista presso il Teatro alla Scala di Milano.

Ha sempre associato lo studio accademico a quello della musica moderna, frequentando numerosi seminari e corsi in tutta Italia, perfezionandosi con i maestri Dave Samuels, Saverio Tasca, Andrea Dulbecco, Edoardo Giachino, Leigh Howard Stevens, Mike Quinn, David Searcy, Giorgio Zanier.

Negli ultimi anni si è dedicato intensamente alla composizione, sviluppando un linguaggio musicale in grado di attingere alla tradizione classica del ‘900 (soprattutto per quel che concerne l’aspetto ritmico) per poi rimodularsi in uno stile personale underground.

Nasce nel dicembre 2012 il “Mirko Pedrotti Quintet” che propone un jazz moderno ed energico in cui i tempi dispari e le armonie modali rappresentano il terreno ideale per la ricerca e la sperimentazione musicale.

Il tutto è valorizzato da groove coinvolgenti che strizzano l’occhio ad artisti quali Dave Holland, Chris Potter, Avishai Cohen e Steve Coleman. 

Nel luglio 2013 il quintetto accede alla finale del concorso “Baronissi Jazz” a Salerno, classificandosi al 2° posto. L’ultimo successo in ordine di tempo risale invece ad agosto 2013 con la vittoria al Barga Jazz Contest  (1° posto ex-aequo con il gruppo Urban Fabula). La realizzazione del primo lavoro discografico “Kimèra” rappresenta un primo traguardo importante per questa formazione che in poco tempo ha saputo attrarre su di sè l’attenzione di molti addetti ai lavori.


    

MIRKO PEDROTTI – vibraphone

LORENZO SIGHEL – alto sax

LUCA OLZER – piano, Fender Rhodes

MICHELE BAZZANELLA – bass

MATTEO GIORDANI - drums



PRESENTAZIONE DISCO



DISCOGRAFIA


MPQ, 2015

MPQ è un disco che a livello sonoro trova un sound tendente agli anni 70’ supportato da contaminazioni di impronta rock progressive con un suono però più “sporco” dove a tratti gli effetti sonori utilizzati nel mix si fanno strada per creare ambienti meno naturali a quel che si può definire, suono jazz . Durante l'ascolto spesso si riconoscono atmosfere riconducibili a gruppi come Portishead e Nine Inch Nails.  La ricerca e la sperimentazione sono prettamente agganciate agli stati emotivi dell’essere umano; profondità, esaltazione, annebbiamento, felicità, contemplazione…sono le parole chiave a cui molte tracce sono ispirate. Anche in questo disco, come in Kimèra, precedente album del 2013, abbiamo voluto mantenere una prima parte strutturata (le prime sei tracce) e una parte sperimentale/free di tre tracce che chiude il disco. La Suite parte D,E,F, sono tre improvvisazioni suonate da Mirko Pedrotti (vibraphone), Gianluca Petrella (trombone e syntethesizer).  Registrate ed effettate in diretta con (Delay, fazz, reverberi...) da Ivan Benvenuti seguendo l'evolversi improvvisativo degli artisti. Il materiale compositivo della SUITE rappresenta un pozzo creativo dal quale attingere per le future composizioni. MPQ, nel formato CD fisico è un concept album, mentre nella versione (Digital Version) troviamo i brani separati. A chi acquista la versione fisica verra inviato anche il formato (Digital Version) Su richiesta è possibile acquistare MPQ nella versione concept album anche in digitale.


KIMèra, 2013

Di solito al vibrafono nel jazz abbiniamo ricordi di suoni rassicuranti. Oltre che bellissimi dato che vengono in mente personaggi come Lionel Hampton o Milt Jackson. Fortunatamente la musica si evolve e questo strumento è al pari degli altri protagonista nei nuovi linguaggi del jazz. Salutiamo con piacere quindi la prova discografica di Mirko Pedrotti e del suo quintetto, una formazione che si è fatta onore al Barga Jazz Contest 2013 ottenendo il primo posto. Pedrotti è un leader di formazione rigoroso e allo stesso tempo rispettoso del lavoro dei colleghi che lo affiancano. Il suo vibrafono sa essere un eccellente solista così come semplice parte dell’ensemble. Da un punto di vista creativo c’è la lezione del free (Acidulo) ma anche quella della scuola di Canterbury (Alfa) e dell’hard bop (Chris Spot There). Molto interessante è anche la scrittura della suite finale legata alla musica colta contemporanea del novecento. La parte più melodica è affidata a Noabel, traccia scritta dal sax tenore Matteo Cuzzolin. Un disco di qualità che ci fa ancora sperare nella vitalità del nuovo jazz italiano.

(Tratto da una recensione di Michele Manzotti,  Il Popolo del Blues)


Mirko Pedrotti Quintet, MPQ (CD version)

 

10,00 €

  • disponibile
  • consegna in 5-10 giorni1

disco mp3

DIGITAL VERSION


Versione con brani separati

disco fisico

CONCEPT ALBUM


Concept Album Versione



Mirko Pedrotti Quintet, Kimèra (CD version)

 

10,00 €

  • disponibile
  • consegna in 5-10 giorni1

        disco mp3


            disco fisico